AZIENDA BANCA: Il futuro è self-service e altamente hi-tech

AZIENDA BANCA: Il futuro è self-service e altamente hi-tech

futuro-self-service-hi-tech-Busines-Analytics

INTELLIGENZA ARTIFICIALE, ADVANCED DATA ANALYTICS E OPEN API SONO LE TRE TECNOLOGIE CHE CAMBIERANNO IN MODO DIROMPENTE IL FUTURO DELLA BANCA. PARTENDO PROPRIO DAL SELF SERVICE

Il digital banking, sempre più legato al mobile, rappresenta uno degli elementi strategici del futuro del settore finanziario. Ma la vera chiave di successo è l’integrazione dei molteplici canali fisici con quelli digitali, per offrire al cliente la stessa modalità di fruizione delle operazioni bancarie su ogni touch point della banca

Se il self service è un dispositivo evoluto
Per supportare questa strategia è necessaria una tecnologia abilitante in grado di semplificare e ottimizzare l’omnicanalità. I laboratori Auriga hanno realizzato nuovi moduli per la piattaforma WinWebServer (WWS) per gestire i canali fisici e digitali, dando ai clienti la possibilità di usufruire di un centinaio di servizi integrati. Il canale self service non è più quindi un cash dispenser ma un dispositivo evoluto con un’ampia gamma di funzionalità informative e dispositive, con ricadute positive sulla soddisfazione e sulla fedeltà dei clienti. Attraverso l’applicazione di m-banking SimplyMobile, integrata nella piattaforma WWS, è possibile accedere a tutte le funzioni sui canali self service e mobile, in sinergia con l’app PlainPay che trasforma lo smartphone in un portafoglio digitale per pagare in negozio, prelevare o accedere all’internet banking.

Personalizzazione e controllo dei costi
Questi servizi per la banca rappresentano un’opportunità per acquisire nuovi clienti e incrementare la redditività del parco macchine, ottimizzando i costi di gestione e personalizzando le attività di marketing. Per le realtà più piccole e legate al territorio, l’integrazione tra self service e mobile offre ampia libertà di scelta al cliente, con maggiore autonomia nell’operatività e servizi a valore aggiunto. Banca Cassa di Risparmio di Savigliano, per esempio, in collaborazione con Auriga, ha sviluppato il canale mobile per connettere i diversi punti di contatto e migliorare l’accoglienza in filiale con una maggiore profittabilità della banca stessa.

Le tecnologie che cambieranno la banca
La sfida per la banca del futuro è però accogliere le tecnologie più dirompenti. L’A.I. in primis: l’intelligenza artificiale sta rivoluzionando il modo di relazionarsi con i clienti, permettendo di conoscere e analizzare i bisogni per offrire prodotti e servizi su misura. Auriga ha già avviato progetti di ricerca in questo campo, per supportare le banche nell’engagement dei clienti con una migliore customer experience. Inoltre, gli Advanced Data Analytics rappresentano un importante passo avanti per ottenere conoscenza ad alto valore aggiunto sui clienti, migliorare la relazione, generare nuove opportunità di business, ridurre i costi operativi e le inefficienze. Soluzioni come WWS Business Analytics Management permettono di valorizzare i dati disseminati nel sistema informativo della banca. E infine è centrale il tema dell’Open API: l’adozione di software multivendor su cloud sarà un elemento chiave per le banche. In questo percorso Auriga, con il proprio software e investimenti in R&D, è un partner strategico in ottica di open innovation e trasferimento tecnologico.

 

Scarica l’articolo

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenti non disponibili