Servizi di pagamento mobile: oltre i progetti pilota

Servizi di pagamento mobile: oltre i progetti pilota

Entro il 2020, secondo uno studio condotto da Internet & American Life Project e dall'Elon University, i servizi di pagamento mobile diverranno il metodo preferenziale per i pagamenti digitali . I sostenitori di questa tecnologia sostengono infatti che questa forma di pagamento consente di semplificare le transazioni e di facilitare la promozione di programmi fedeltà, coupon e altri incentivi per le istituzioni finanziarie, i commercianti e i consumatori. 
CABEL, card issuer italiano, ritiene molto plausibile tale scenario e ha infatti già adottato la soluzione PlainPay di Auriga come base fondamentale della sua strategia per i pagamenti mobile. CABEL, inoltre, si sta attivamente impegnando con tutte le parti interessate nel mercato dei pagamenti: banche, processors, fornitori di servizi di pagamento, commercianti e soprattutto consumatori. Perché i pagamenti mobile possano raggiungere il pieno potenziale, è necessaria la completa adesione di tutti  gli attori e CABEL è decisa a dare il suo contributo. 
I pagamenti mobile possono incrementare notevolmente il numero di transazioni elettroniche e fornire una migliore accessibilità bancaria a tutti gli utenti. Ciò avrà un effetto molto positivo su tutta la catena dei pagamenti comportando una riduzione dell’economia  sommersa  e del nero , dei pagamenti non rintracciabili, una riduzione dell’uso di contante e dei relativi costi e rischi di gestione, e una maggiore fedeltà e soddisfazione da parte del cliente.  
"I servizi di pagamento mobile hanno una reale possibilità di successo in Italia. Le carte di credito e debito hanno conosciuto un successo solo parziale e molte persone desistono dall'idea di adottare soluzioni di pagamento digitali per mancanza di fiducia, di familiarità o per semplice pregiudizio. Collaborando con i nostri partner nel settore, siamo certi di trovare una formula vincente per i servizi di pagamento mobile che comporterà una reale differenza", ha dichiarato Fabio Giuliani, Amministratore delegato di CABEL. 

La sfida 
 
La mancanza di semplici standard di  conformità ha comportato la presenza di diverse tecnologie di servizi di pagamento mobile. Solamente perché un cliente dispone di un mobile wallet sul proprio smartphone non significa necessariamente che i diversi istituti finanziari siano dotati della tecnologia in  grado di gestirli. Se le due tipologie di tecnologia non combaciano, l'utente non potrà  all’occorrenza utilizzare il servizio di pagamento mobile . 
Dal punto di vista dell'hardware, le diverse soluzioni disponibili   per  i servizi di pagamento mobile richiedono anche componenti diverse. Alcuni richiedono un dispositivo per il punto di vendita in modo che gli utenti possano appoggiare o semplicemente avvicinare il dispositivo mobile associato all'hardware per effettuare un acquisto. In questa situazione, i commercianti utilizzerebbero la comunicazione in prossimità (NFC, Near Field Communication), che fornisce un sistema di pagamento senza contatto, o quasi privo di contatto. Altri utilizzano i codici QR che i negozianti scansionano per completare la transazione. Alcuni sistemi di pagamento adottano infine il metodo  inverso e richiedono ai clienti di scansionare un codice QR prodotto dal commerciante. Tali diverse metodologie di utilizzo rappresentano un ulteriore elemento di confusione sul mercato. 
Indipendentemente da come viene completata la transazione, gli utenti hanno generalmente utilizzato i l mobile wallet  per memorizzare informazioni personali associate a una o più carte di credito o debito. Un codice PIN da inserire prima del completamento di una transazione è in grado di proteggere i dati della carta utilizzata per il pagamento. Un'innovazione più recente riguarda la possibilità di pagamenti  mobile con addebito sul  conto corrente, che eliminano la necessità di disporre di una carta associata per  effettuare il pagamento. Tale nuova soluzione può potenzialmente rivoluzionare il modello di business per i pagamenti mobili e può fornire quell'incentivo mancante per l'adozione diffusa presso i commercianti. 

Uno sguardo al futuro 
 
Come per qualsiasi nuova tecnologia, lo sviluppo degli standard è parte del processo che comporterà infine l'accettazione di massa. Gli standard per i servizi di pagamento mobile non hanno ancora raggiunto la soglia richiesta per eliminare la confusione che oggi si presenta all’ingresso sul mercato. Si tratta di un ostacolo da superare per le organizzazioni che desiderano adottare tale nuova tecnologia. Dall'hardware ai costi e all'implementazione, non esiste ancora un set standard di regole a cui le organizzazioni possano fare riferimento per avere un'idea chiara di quale impatto avrà la tecnologia sui profitti. 
 "Al momento, al settore manca qualunque tipo di standardizzazione in materia di tecnologia o linee guida per i servizi di pagamento mobile", ha dichiarato Henry Helgeson, Amministratore delegato di Merchant Warehouse, azienda specializzata nelle soluzioni  di card processing. "La risoluzione delle controversie è un aspetto importante del panorama dei pagamenti, e la predisposizione di un buon sistema per la risoluzione delle controversie sarà essenziale per la fornitura di un'esperienza ottimale per l'utente. Gli istituti finanziari conoscono bene questi aspetti e li adotteranno nei loro sistemi. Tuttavia, sono presenti numerose nuove aziende di pagamenti mobili che non comprendono pienamente tale importanza e che potrebbero quindi rilasciare dei prodotti senza aver avuto cura di tenere in considerazione questi aspetti." 
Oltre alle problematiche di natura pratica sottolineate da Helgeson, sono presenti altre quesiti fondamentali in relazione agli standard. Ad esempio, il mercato non ha ancora deciso se deve esistere un'applicazione di pagamento mobile a sé stante o se debba essere un'estensione dei servizi di mobile banking già disponibili. Come molte banche e centri servizio, CABEL presenta una strategia molto chiara: 
"È nostro desiderio porre il cliente al centro della strategia bancaria da noi adottata; non si tratta semplicemente di uno slogan ma di una realtà. Abbiamo selezionato PlainPay perché fa parte della soluzione comprovata di banking multicanale in grado di fornire ai clienti un'interazione  omogenea tra i diversi canali bancari. Inoltre, PlainPay può evolvere  più facilmente per rispondere meglio  all’emergere continuo  di nuove esigenze di mercato   ", ha dichiarato Fabio Giuliani, Amministratore delegato di CABEL. 
Vi è una chiara indicazione che i servizi di pagamento mobile verranno in futuro accettati  in larga scala dagli utenti  da obbligare   anche le banche e i commercianti più conservatori e scettici ad adottare tale tecnologia. Due sono i fattori cruciali per l’accelerazione di tale passaggio: l'emergere di standard tecnologici e la presenza di nuovi modelli commerciali improntati all'innovazione e   al rispetto  di regole stabilite. Dato l'investimento continuo nelle soluzioni di pagamento mobile, è inevitabile che esse  diventeranno sempre  più importanti per i commercianti e meno inconsuete per gli utenti. 
Informazioni sullo sponsor: con sedi in Italia, a Londra e a Parigi, Auriga è uno dei maggiori fornitori europei di software e soluzioni all'avanguardia per il banking multicanale. Fornisce agli istituti finanziari una gamma di prodotti, servizi e consulenza per la gestione dei servizi bancari self-service, Internet, mobile e  per la filiale. Auriga dispone della comprovata abilità per assistere le banche nel migliorare la propria efficienza e competitività. 
 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenti non disponibili